linea
MOMENTI MUSICALI 2016/17
La freccia del tempo

a cura di Francesca Aste

Cosa è attuale e cosa inattuale? 7 incontri di approfondimento per 7 concerti con musiche di ieri e di oggi, in ascolto di risonanze lontane nel tempo, ma attualissime. La freccia del tempo di Momenti Musicali viaggia avanti e indietro tra passato e presente, per conoscere meglio, attraverso le parole dei protagonisti, opere che percepiamo significative per noi oggi, ma che non necessariamente coincidono con l’ “attualità”, categoria assai invadente da cui è dominato il nostro tempo. Gli incontri sono liberi e informali, luoghi di incontro per orecchie curiose, per scoprire qualcosa di più sulle musiche e sugli artisti che ascolteremo dal vivo.


Venerdì 16 dicembre 2016, ore 18.00 - Foyer dell’Auditorium Melotti
Voci nel tempo
Luigi Azzolini, compositore e direttore di coro, ci presenta insieme agli autori e gli interpreti il concerto serale per coro misto e ensemble di strumenti a fiato. All'incontro sara presente anche lo scrittore Stefan Monhardt, autore dei testi. In programma musiche di Leos Janacek (1854-1928), Peteris Vasks (1946), Armando Franceschini (1946), Lorenzo Donati (1972), Marco Uvietta (1963).
In collaborazione con Musica Macchina, Centro Servizi S. Chiara

Mercoledì 11 gennaio 2017, ore 18.00 - Sala Filarmonica
Nel cuore del fantastico: la fertilità dell'ambiguo
“Vi è un universo, quello delle confuse aspirazioni dell’anima, delle sue brame, delle sue delusioni, che un’irriducibile oscurità preserva dall’essere annullato. Ne’ le parole ne’ le immagini possono circoscrivere esattamente quelle realtà interiori indefinite e mutabili che scoraggiano ogni descrizione e figurazione. Riguardo a loro, la perifrasi è d’obbligo” (R. Caillois).
Con un pianoforte sotto le dita il pianista Cristiano Burato ci racconta delle inquietudini che vivono dentro i Fantasiestücke di Schumann, in programma per il concerto serale.

Lunedì 6 febbraio 2017, ore 18.00 - Foyer dell’Auditorium Melotti
Il '700 dentro il '900
Angela Romagnoli, direttrice del Festival Mozart e Federica Fortunato del Centro Studi “Zandonai”, presentano il concerto serale con musiche del Novecento a confronto con il repertorio settecentesco: Le donne di buonumore di Vincenzo Tommasini, Mozart a 9 anni di Salvatore Sciarrino e Le Tombeau de Couperin di Maurice Ravel.
In collaborazione con Musica Macchina, Orchestra Haydn e Settenovecento

Giovedì 16 febbraio 2017, ore 18.00 - Biblioteca Civica G. Tartarotti
Canti di un viandante
“Il nome musica è il segno del privilegio e del compito di quest’arte: essere la traccia delle muse, dell’indole “musicale” appunto. In quel mondo le muse custodivano, per i mortali, la vera memoria, il rimedio della dimenticanza, il ricordo senza il quale finiamo per perdere tempo. Allora e sempre, ogni volta dal principio, la memoria musicale tiene in serbo il tempo.” (T. Giongo) Seconda tappa dedicata alla musica romantica, attraverso lo sguardo errante della filosofia e della letteratura.
In collaborazione l’Associazione “La Grottesca” e il progetto “Il Viandante”.
A cura di Tommaso Giongo


Venerdì 3 marzo 2017, ore 18.00 - Sala Filarmonica
La spiritualità nella musica per pianoforte di Giacinto Scelsi (1908-1988)
Lezione concerto di Francesco Schweizer pianoforte
Chemin du rêve (dai Quattro Poemi)
Suite n° 9 “Ttai”
Un adieu
“La musica non può esistere senza il suono. Il suono esiste di per sé senza la musica. È il suono ciò che conta”.
Questa affermazione di Giacinto Scelsi racchiude tutta la filosofia e l’originalità di un compositore tuttora poco compreso: attraverso episodi della sua vita e letture di suoi testi, si riscopre una concezione della musica aperta a influssi orientali, misticheggianti ed esoterici, che nell’Italia musicale della metà del Novecento apparve isolata ma che in seguito influenzò le estetiche musicali più avanzate.

Venerdì 10 marzo 2017, ore 18.00 - Biblioteca Civica G. Tartarotti
Scritture/riscritture
Tria ex uno è un brano del 2001 di Georg Friedrich Haas, uno dei più importanti compositori di oggi, basato su un movimento dalla Missa L’Homme Armè di Josquin Desprez del XV sec. Il brano verrà eseguito al concerto del 15 marzo, insieme ad altri brani commissionati dall’Associazione Filarmonica di Rovereto a 5 giovani compositori trentini. Il compositore Nicola Straffelini, tra gli autori della serata, ci parla del sestetto di Haas, con il suo incipit rinascimentale che si trasfigura in opera contemporanea.
All’incontro parteciperanno anche alcuni compositori in programma il 15 marzo.
A cura di Nicola Straffelini

Martedì 11 aprile 2017, ore 18.00 - Sala Filarmonica
Albe
Con il pianista Alfonso Alberti
Grande oratore e raffinato musicologo, oltre che virtuoso del pianoforte, Alfonso Alberti caratterizza i suoi programmi da concerto con una scelta raffinatissima ed originale dei brani. Un incontro speciale per gustare ancora meglio un programma fondato su lontane risonanze musicali, dal settecentesco Francois Couperin attraverso la musica di Schumann fino al Catalogue d’oiseaux di Olivier Messiæn.

Momenti Musicali