Voci all’opera


Duetti e arie d’opera dal Settecento al Novecento

Musiche di

Wolfgang Amadeus Mozart (1756-1791)
Gaetano Donizetti (1797-1848)
Gioachino Rossini (1792-1868)
Ruggero Leoncavallo (1857-1919)
Giacomo Puccini (1858-1924)

 

Per volontà degli artisti il programma non viene pubblicato e verrà introdotto dagli stessi durante lo spettacolo.

Serena Gamberoni

Dopo aver conseguito l’esame di violino sotto la guida del M° Zoran Milenkovic, Serena Gamberoni ha iniziato lo studio del canto al Conservatorio di musica “F. A. Bonporti” di Trento nel 1996.
Nel 1999 si è diplomata in Canto Lirico, sotto la guida della prof.ssa Paola Fornasari, ed ha frequentato vari corsi di perfezionamento con Franca Mattiucci, Luigi Alva, Renato Bruson, Piero Cappuccilli, Maria Chiara, Ghena Dimitrova e Gabriella Tucci. Allieva del soprano Alida Ferrarini, attualmente studia con Raina Kabaivanska.
Nel 2000 ha tenuto il suo primo concerto ed ha debuttato in Don Giovanni (Zerlina), Rigoletto ed in numerosi concerti a Torino. Nel 2002 ha vinto vari concorsi italiani e nel 2004 è poi risultata vincitrice del Concorso Europeo As.Li.Co. per i ruoli di Adina in Elisir d’Amore e Sophie in Werther.
Ha debuttato giovanissima al Teatro Carlo Felice di Genova nel 2004 come Giannetta in Elisir d’Amore, ed è poi tornata nel ruolo di Susanna nelle Nozze di Figaro nel 2005, quindi nel ruolo di Oscar in Un ballo in maschera, come Norina in Don Pasquale, Mimì in Bohème, Micaela in Carmen, Donna Anna in Don Giovanni.
Ha inaugurato la Stagione 2006/07 del Teatro San Carlo di Napoli come Nannetta in Falstaff diretta da Jeffrey Tate, ed ha successivamente debuttato nei maggiori teatri italiani (Torino, Bologna, Parma, Arena di Verona, Macerata, Circuito Lombardo…) in opere come L’Elisir d’amore, Così fan tutte, Don Pasquale, Die Zauberflöte, Un ballo in maschera, La Bohéme, Falstaff, Romeo et Juliette, Gianni Schicchi; ha inoltre cantato a Bologna in una nuova produzione di Orphée et Eurydice al fianco di Roberto Alagna, incisa per Deutsche Grammophone.
Ha debuttato alla Scala ed al Covent Garden in nuove produzioni di Un Ballo in Maschera, che ha cantanto anche all’Opera di Roma ed alla Fenice di Venezia per l’apertura della Stagione 2017 diretta da Myung-Whun Chung, prima di tornare al Covent Garden per un nuovo Così fan tutte.
Tra gli impegni recenti e futuri, Le Nozze di Figaro al Festival di Cartagena, La Wally a Piacenza, L’Elisir d’Amore al Carlo Felice di Genova, Werther a Palermo, il debutto come Liù in Turandot a Genova, il debutto in Contessa ne Le nozze di Figaro, Un ballo in maschera a Venezia, Il Corsaro a Piacenza, Micaela in Carmen all’Arena di Verona e alla Fenice, di nuovo Adina al festival di Macao, Così fan tutte al Covent Garden diretta da Stefano Montanari, di nuovo Contessa al Maggio Musicale di Firenze e a Ravenna con il M° Muti, Alice in Falstaff a Piacenza.

Michele Patti

Nato a Genova, inizia a studiare canto, dopo la maturità scientifica, al Conservatorio “Niccolò Paganini” della sua città natale e prosegue gli studi presso il Conservatorio “Antonio Vivaldi” di Alessandria.
Vince numerosi concorsi, tra cui il “XIX Concorso Internazionale per Cantanti Lirici Spazio Musica” a Orvieto.
Successivamente, viene scelto dalla Scuola dell’Opera Italiana del Teatro Comunale di Bologna.
Inizia giovanissimo una brillante carriera debuttando: Gianni Schicchi (Marco), Così fan tutte (Guglielmo), La Traviata (Marchese e Dottore), Un Ballo in Maschera (Renato), Il Trovatore (Conte di Luna), Madama Butterfly (Sharpless), Le Nozze di Figaro (Figaro), L’Elisir d’Amore (Belcore) e Don Giovanni al Teatro degli Industri di Grosseto per Spazio Musica sotto la guida di Maurizio Arena; La Traviata (Giorgio Germont) nell’allestimento di Brockhaus al Teatro Verdi di Busseto in collaborazione con il Teatro Comunale di Bologna ed il Teatro Regio di Parma per l’apertura del Festival Verdi, alla Popejoy Hall di Albuquerque (New Mexico) con la Symphonic Orchestra of New Mexico, all’Opera Giocosa di Savona con l’Orchestra del Teatro Carlo Felice di Genova, in un progetto di Nanni Garella per una collaborazione dell’Arena del Sole e del Teatro Comunale di Bologna;  Don Pasquale (Dottor Malatesta) al Teatro Comunale di Bologna; Rigoletto (Marullo) nell’ambito del Festival Verdi a Busseto; Don Giovanni al Teatro Carlo Felice di Genova con la regia di Rosetta Cucchi; Maria de Rudenz (Rambaldo) ed Il Campanello (Enrico) al Wexford Festival Opera; La Vedova Allegra (Danilo) al Teatro Petruzzelli di Bari con la  regia di Federico Tiezzi; Così fan tutte (Guglielmo), regia di E. Scola, e L’Elisir d’Amore (Belcore) nello storico allestimento di Luzzati con regia di Crivelli al Teatro Carlo Felice di Genova; Delitto e Dovere (Arthur Savile) di A. Colla con la regia di P. Gavazzeni e V. Maranghi in prima esecuzione mondiale al 60° Festival di Spoleto ed al Teatro Coccia di Novara per la ripresa di Classica Italia andata in onda nel mese di giugno 2018; La Bohème (Schaunard) per l’Ente Lirico Trapanese sotto la direzione di Nikša Bareza.
Svolge un’intensa attività concertistica che lo ha visto impegnato nella manifestazione “Jeunes Ambassadeurs Lyriques – Théâtre Lyrichorégra” a Montreal in Canada.
Tra i suo impegni recenti e futuri: Un giorno di regno (Cavalier Belfiore) al Festival Verdi di Parma; Don Pasquale (Malatesta) e La Bohème (Marcello) al Teatro Carlo Felice di Genova; Dorilla in Tempe (Admeto) di Vivaldi diretta da Diego Fasolis al Teatro Malibran di Venezia; il ruolo del titolo in Guglielmo Tell di Gioachino Rossini con la regia di Arnaud Bernard a Como, Cremona, Brescia, Pavia e Bergamo quale vincitore del 70° Concorso As.Li.Co.; L’Elisir d’amore (Belcore) al Petruzzelli di Bari.

Corrado Ruzza

Corrado Ruzza, pianista, docente di Musica da Camera nella sede di Riva del Garda del Conservatorio Bonporti, si occupa di repertori cameristici ai quali dedica la propria attività artistica e didattica. Molte nel tempo le sue collaborazioni con importanti solisti che lo hanno portato a tenere concerti in Europa e Stati Uniti. Con il violinista Domenico Nordio ha inciso un CD per UNICEF. Il celebre soprano russo Ljuba Kazarnovskaya lo ha scelto per numerose tournée cameristiche in tutto il territorio dell’ex Unione Sovietica.
È stato pianista stabile del Museo Nazionale Giuseppe Verdi di Busseto, dove ha collaborato con i maggiori cantanti del panorama internazionale in concerti da camera. È inoltre pianista ufficiale, fin dalla sua fondazione, del concorso internazionale AudiMozart! per strumenti a fiato di Rovereto, presieduto da Marcello Abbado.
Parallelamente all’attività concertistica e didattica, Corrado Ruzza è anche musical producer e tecnico di post-produzione audio per incisioni discografiche pubblicate da tutte le maggiori etichette (Deutsche Grammophone, Decca, Brilliant, Naxos…) per artisti di fama internazionale.
È particolarmente attivo nel campo della ricerca, occupandosi della valorizzazione del patrimonio meno conosciuto dell’Ottocento musicale italiano attraverso concerti, incisioni discografiche, mostre e convegni. Tra le incisioni di rilievo in prima moderna assoluta si segnalano l’opera cameristica di Giancarlo Colò e un CD con romanze su testi del letterato Andrea Maffei (librettista di Verdi), apprezzate dalla stampa specializzata nazionale. La Tactus Records gli ha affidato il progetto di pubblicazione delle opere cameristiche di Giacomo Gotifredo Ferrari, il cui primo volume eseguito dal Trio Bonporti è stato accolto con entusiasmo dalla critica che lo ha definito un disco “significativo per la notevole qualità dell’interpretazione…gli esecutori hanno saputo cogliere appieno lo spirito di questi lavori, affrontandoli con la dovuta vivacità, bellezza di suono, limpidezza e coesione…una versione degna di costituire un punto di riferimento” (Musica, 5 stelle).
Ha tenuto masterclasses e conferenze per la Sacramento Youth Symphony (Stati Uniti), per l’Accademia musicale di Kuopio (Finlandia) e per l’Università di Magdeburgo (Germania). È stato inoltre ospite della Summer Academy di Radovljica (Slovenia) come docente di Musica da Camera.